Come acquistare Bitcoin (BTC)

view original post

Negli ultimi anni Bitcoin è cresciuto in modo spettacolare. A maggio 2016 se ne poteva acquistare uno per circa 460 €. Ad aprile 2022, un singolo Bitcoin valeva oltre 36.000 €, una crescita di oltre il 7.000%.

Tuttavia, se il prezzo è cresciuto mano a mano che le criptovalute e la tecnologia sottostante della blockchain crescevano d’importanza, acquistare Bitcoin comporta dei rischi notevoli. Oltre agli impressionanti guadagni, Bitcoin ha sofferto anche crolli devastanti. A fine giugno 2022 un BTC valeva circa 19.000 euro.

Bitcoin continua a essere un asset altamente volatile. Se vuoi acquistare dei Bitcoin, gli esperti raccomandano di non investire più di una piccola percentuale del tuo patrimonio nella principale criptovaluta.

Come acquistare Bitcoin (BTC) in 4 passaggi

1. Scegli una borsa di criptovalute

Per acquistare Bitcoin (BTC), o qualsiasi altra criptovaluta, avrai bisogno di una borsa di criptovalute (detta anche exchange) dove venditori e acquirenti si incontrano per scambiare euro con le criptovalute.

Ci sono centinaia di borse tra cui scegliere ma, da principiante, è meglio sceglierne una che sia facile da utilizzare e garantisca commissioni basse e un elevato livello di sicurezza. Se non hai già una borsa in mente, dai un’occhiata alle migliori piattaforme scelte da noi, come eToro, Binance.com oppure Coinbase.

Inoltre, assicurati che la borsa prescelta abbia un wallet Bitcoin integrato nella propria piattaforma; altrimenti, dovrai trovarne uno da te. Se vuoi conservare le tue crypto in un wallet diverso, dovrai vendere le monete in tuo possesso e quindi riacquistarle su un altro exchange.

2. Scegli un’opzione di pagamento

Dopo aver scelto una borsa, dovrai depositare fondi sul tuo account prima di poter iniziare a investire in Bitcoin. A seconda delle borse, puoi trasferire fondi sul tuo account tramite bonifico bancario da un conto corrente o di risparmio, un wallet di criptovalute o persino da una carta di debito o di credito.

Non tutti gli emettitori di carte di credito permettono di utilizzare le loro carte per acquistare criptovalute. Per gli emettitori che lo consentono, fai attenzione alle commissioni che possono aggiungere al costo della transazione.

Siccome le commissioni riducono la quantità di denaro che puoi investire (e, di conseguenza, anche la quantità di soldi che puoi far crescere e capitalizzare), ha senso preferire i trasferimenti elettronici da un conto in banca agli altri metodi. Inoltre, se usi una carta di credito per acquistare criptovalute, in genere questo conterà come anticipo di cassa e sarà soggetto a un tasso di interesse maggiore rispetto a quello che paghi per gli addebiti regolari. Va da sé che contrarre dei debiti per acquistare investimenti volatili è estremamente rischioso.

3. Effettua un ordine

Una volta depositati i fondi sull’account, puoi effettuare il tuo primo ordine per acquistare Bitcoin. In base alla piattaforma scelta, puoi acquistarli toccando un pulsante, oppure dovrai inserire il simbolo ticker di Bitcoin (BTC). Quindi dovrai digitare l’importo che desideri investire.

Una volta completata la transazione, in genere possiederai una frazione di un Bitcoin. Questo perché acquistare un intero Bitcoin al momento richiede un investimento iniziale decisamente importante. Per fare un esempio, il prezzo attuale di un Bitcoin è intorno ai 19.000€, e quindi dovrai investire quell’importo per acquistare un intero Bitcoin. Se invece investi di meno, diciamo ad esempio 1.000€, ne acquisti una frazione, in questo caso circa il 5,2% di un Bitcoin.

4. Scegli un’opzione di storage sicura

Molte borse di criptovalute hanno un wallet di Bitcoin integrato, o quantomeno un partner dove puoi conservare i tuoi Bitcoin in modo sicuro. Alcuni, tuttavia, non vogliono lasciare le proprie criptovalute in un portafoglio connesso a Internet, dove corrono il rischio di venire rubate dagli hacker.

La maggior parte delle borse principali ha stipulato delle assicurazioni per rimborsare i clienti nel caso ciò accada. Inoltre sempre più borse conservano la maggior parte degli asset dei propri clienti nei cosiddetti “cold wallet” offline.

Se vuoi un maggiore livello di sicurezza, puoi conservare i tuoi Bitcoin in un wallet online od offline di tua scelta. Ma tieni presente che se sposti criptovalute da una borsa, potresti dover pagare una piccola commissione sul prelievo. Inoltre, se usi un wallet di criptovalute di terze parti, potresti perdere permanentemente l’accesso alle tue monete nel caso in cui tu smarrisca la chiave virtuale privata che funge da password del tuo wallet.

Vendere i Bitcoin

Quando decidi di vendere i tuoi Bitcoin, puoi effettuare un ordine di vendita tramite la tua borsa, in modo simile a come hai fatto quando li hai acquistati. La maggior parte delle borse offre diversi tipi di ordini, quindi puoi decidere di vendere i Bitcoin solo quando raggiungono un determinato prezzo, oppure puoi effettuare un ordine che viene eseguito immediatamente.

Puoi scegliere di vendere tutti i Bitcoin in tuo possesso o solo una determinata quantità. Una volta effettuata la vendita, puoi trasferire i soldi al tuo conto in banca. La tua borsa, tuttavia, potrebbe richiedere un periodo di attesa prima di permetterti di trasferire il denaro sul tuo conto corrente. La cosa non deve preoccuparti: semplicemente, a volte è necessario un po’ di tempo per assicurarsi che la transazione vada a buon fine.

Quando vendi i tuoi Bitcoin, potresti realizzare un guadagno. Se i tuoi profitti superano una certa soglia, dovrai pagare l’imposta sulle plusvalenze.

Comprare Bitcoin, sì o no?

Quando il prezzo di Bitcoin era in salita pressoché verticale, fino alla primavera del 2022, avrebbe potuto rappresentare un investimento attraente. Specialmente dopo la caduta successiva, però, è opportuno fare attenzione. La volatilità di Bitcoin ha spinto molti esperti a raccomandare di non destinare all’acquisto di questa criptovaluta un’ampia porzione dei propri fondi.